I cibi del futuro

cibodelfuturoData di scadenza: mai - Il tuo sandwich? Potrebbe durare per sempre grazie ad uno speciale processo di conservazione per proteggere i cibi dal deterioramento atmosferico. Presso l'università del Minnesota sono in corso alcune sperimentazioni sull'additivo bisin applicato a pesce, carne e uova: l'aggiunta di questo additivo potrebbe rallentare in modo significativo il deterioramento di questi alimenti, il loro spreco e persino ridurre la proliferazione di batteri come E.coli e Listeria.

La quarta dimensione della pubblicità - Dimenticate i cartelli con invitanti immagini. Fotografare il cibo non basta più. E nemmeno solo raccontarlo in tv. Ora i giganti della ristorazione e della produzione alimentare sfondano la parete dell'olfatto e propongono la pubblicità profumata. McCain, colosso nella produzione di patatine fritte, sta per lanciare una campagna pubblicitaria che potrà essere sperimentata presso le fermate dell'autobus: qui i passeggeri in attesa potranno toccare una patata gigantesca e intorno a loro si sprigionerà l'odore di patatine appena sfornate.

La terra non ci serve più - Non è una previsione: sta già accadendo. La coltivazione idroponica o idrocoltura è una tecnica di produzione di ortaggi effettuata fuori suolo. La terra è sostituita da argilla espansa, fibra di cocco o lana di roccia e non solo. L'irrigazione viene modificata: non solo acqua, ma una soluzione nutritiva particolare integra tutti i componenti non forniti dal suolo. I vasi in cui sono allocati gli ortaggi coltivati sono spesso sospesi e coperti per evitare problemi legati agli insetti. I vostri pomodori da insalta potrebbero non aver mai conosciuto la vera terra.

Cibo in pillole - Un'immagine da film di fantascienza: siamo abituati a immaginare cene del futuro a base di pillole colorate, senza più bistecche o pasta. Ma mentre ufo e macchine volanti rimangono fotogrammi su uno schermo, le cene a base di supervitaminici sono una realtà. Queste pillole sono già in commercio e sono fabbricate con vitamine e minerali necessari per il corretto funzionamento del nostro corpo o che possano compensare il normale appetito. Quando nel futuro vivremo solo di queste strane capsule, riusciremo a ricordare da qualche parte, nella nostra memoria, l'odore del cibo?

Carne da laboratorio - Presso l'università di Maastricht alcuni scienziati avrebbero riprodotto delle cellule animali. Da queste sarebbero riusciti a riprodurre della carne, fabbricando perino hamburger artificiali. Presto saranno anche in commercio e Heston Blumenthal ha chiesto di essere il primo a cucinarne uno. Questa scoperta potrebbe avere un fortissimo e positivo impatto sull'ambiente. Visto che i consumi di carne raddoppieranno nei prossimi 40 anni e ora si sta usando il 70% del territorio per allevamento, della carne prodotta in laboratorio questa scoperta potrebbe portare notevoli benefici all'intero pianeta.

Allergie? No, grazie - Alla Deakin University in Australia hanno pensato di puntare sulle uova. Buone notizie per tutti coloro che ne sono allergici. Nell'albume sono state individuate ben 4 proteine sulle 40 contenute in questa sostanza come cause scatenanti per l'allergia. Gli scienziati sono al lavoro su questo alimento, sperando di disattivare le proteine scatenanti in modo da creare delle uova ipoallergeniche. Modificando direttamente le uova, nasceranno animali che a loro volta ne produrranno altre dello stesso tipo. "Ma non si tratta di polli geneticamente modificati", sostiente il professor Doran. Si ritiene che la ricerca possa concludersi a breve e portare le prime uova ipoallergenice sugli scaffali dei supermercati nei prossimi 5-10 anni.

Iodio mon amour - Per riequilibrare l'organismo sarebbe necessario assimilare 150 microgrammi di iodio ogni giorno. Al momento sul banco ortofrutticolo oltre le patate iodate, c'è molto poco. Ma in laboratorio già si parla di pomodori, insalata e carote arricchiti della preziosa sostanza. Secondo alcuni studiosi è la scarsa presenza di iodio nella frutta e verdura oggi in commercio a richiedere questo specifico intervento dell'uomo. Per sopperire a questa mancanza, sono stati messi a punto concimi arricchiti.

Al PlantLab della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa si sta studiando un gene che, inattivato, porterebbe le piante ad accumulare questa sostanza in grandi quantità. Lo scopo è quello di permettere a tutti di raggiungere i famosi 150 microgrammi, ingerendo la stessa quantità di cibo. Il Scientific Report ha mostrato l'ottimo funzionamento del processo di inattivazione del gene, che non prevede la creazione di alimenti ogm.

Pierdomenico Perata, docente di fisiologia vegetale, sostiene che sulle piante su cui è stata eseguita la sperimentazione, si è accumulata una quantità di iodio 10-15 volte superiore alle altre. "Stiamo ora verificando cosa succede con la lattuga, mentre nei pomodori abbiamo già visto che il gene è naturalmente poco attivo, per cui basterebbe aggiungere iodio al terreno per ottenere piante che lo contengano in abbondanza".

"L'applicazione più interessante però riguarda il riso", sostiene Perata "alimento che nutre metà della popolazione mondiale, anche in zone in cui la carenza di iodio è elevatissima. Un riso arricchito di iodio sarebbe una risposta importante a questo problema".

Da non perdere

  • Denti
    Come sbiancare i denti naturalmente

    Una bocca curata è il miglior biglietto da visita quando ci si presenta: è un segnale di pulizia e salute. Un sorriso luminoso e smagliante equivale a denti bianchi e … Continua »Come sbiancare i denti naturalmente

    Denti

    Una bocca curata è il miglior biglietto da visita quando ci si presenta: è un segnale di pulizia e salute. Un sorriso luminoso e smagliante equivale a denti bianchi e privi di macchie ma non deve limitarsi

  • Dimensione del pene: Milano "capitale" degli interventi

    A seguito del recente congresso nazionale di andrologia tenutosi a Reggio Calabria, è emerso un dato davvero allarmante: due uomini su tre sono ossessionati dalle dimensioni … Continua »Dimensione del pene: Milano "capitale" degli interventi

    A seguito del recente congresso nazionale di andrologia tenutosi a Reggio Calabria, è emerso un dato davvero allarmante: due uomini su tre sono ossessionati dalle dimensioni del pene.

  • Eva Mendes
    Il beauty look di Eva Mendes

    Eva Mendes, bellissima attrice statunitense di origine cubana, nota per il suo fascino latino, è stata spesso testimonial d’importanti case cosmetiche e di moda, nonché … Continua »Il beauty look di Eva Mendes

    Eva Mendes

    Eva Mendes, bellissima attrice statunitense di origine cubana, nota per il suo fascino latino, è stata spesso testimonial d’importanti case cosmetiche e di moda, nonché protagonista di numerose

  • Tecniche per depilare le sopracciglia

    Le sopracciglia sono fondamentali per donare espressività allo sguardo e contornare armonicamente il viso. Spesso aiutano anche a nascondere qualche piccolo difetto e … Continua »Tecniche per depilare le sopracciglia

    Le sopracciglia sono fondamentali per donare espressività allo sguardo e contornare armonicamente il viso. Spesso aiutano anche a nascondere qualche piccolo difetto e favoriscono un perfetto make-up