Tradimenti in ufficio: record in Italia

Colleghi di lavoro sfasciafamiglie? I più numerosi sono gli
italiani. Il nostro Paese detiene infatti il record di relazioni amorose sul
luogo di lavoro
, che spesso mettono in crisi il matrimonio. A sostenerlo è
l'Associazione avvocati matrimonialisti italiani (Ami). Sono le infedeltà
coniugali a scatenare, secondo il centro studi dell'Ami, il 40% delle crisi
coniugali.

Scopri anche "Le capitali del divorzio"

E il 60% di queste infedeltà avviene sul luogo di lavoro.
Sempre più spesso tra colleghi si instaurano infatti vere e proprie relazioni
amorose che a volte durano anni, all'insaputa dell'ignaro coniuge tradito, che
spesso conosce l'insospettato partner della moglie o del marito.

Molti italiani hanno così due vite parallele: molti coniugi
crescono infatti figli concepiti fuori dal matrimonio. Non a caso, spiega Gian
Ettore Gassani, presidente dell'Ami, le indagini degli investigatori privati
che iniziano a cercare prove di eventuali tradimenti partono sempre, come prima
opzione, dalla ricerca della tresca sul luogo di lavoro. «I luoghi di lavoro a
maggiore rischio-tradimento», dice Gassani «sono nell'ordine ospedali e
cliniche, studi professionali, redazioni giornalistiche, pubblici uffici e
banche».

I 100 posti strani dove i vip hanno fatto l'amore

Tra le infedeltà coniugali consumate tra colleghi spiccano
anche quelle a sfondo omosessuale (7% dei mariti, 5% delle mogli).

Statisticamente Milano è la città in cui percentualmente,
secondo gli studi dell'Ami, si consuma il maggior numero di tradimenti, seguita
a ruota da Roma, Bologna, Torino. Nel sud la città in cui si registrano
maggiori infedeltà coniugali è Napoli.

Leggi: "Chi lavora non fa sesso"

Da non perdere