Come lasciarsi senza soffrire

Fotolia_CuoreLa fine di una relazione è di per sé un momento difficile e doloroso; ci sono rotture che diventano ancor più drammatiche perché i due i partner, o tutti e due, senza metterci intenzione o magari facendolo apposta, riescono a ferirsi e a rendere l'addio un vero tormento. "Ma quali sono le regole del lasciarsi?" si chiedeva Carrie in una puntata di Sex and the City. Esiste un "bon- ton" anche per la fine di una relazione: delle regole che è bene seguire per dare una fine dignitosa al rapporto e per farlo senza soffrire.

- Non dirsi cattiverie
Generalmente alla fine di una relazione c'è sempre un momento in cui si desidera voltarsi contro il proprio partner per "dirgliene quattro": è anche un modo per sfogare la propria frustrazione e per aggredire il senso di fallimento che inevitabilmente fa seguito ad una rottura. Ebbene, la cosa migliore in questi casi sarebbe girarsi invece verso la porta e andare a fare due passi per sbollire. Darsi addosso in un momento in cui si soffre entrambi sarebbe un inutile dispendio di energie. Se poi siamo noi a ricevere addosso una secchiata di parole brutte e di accuse pesanti portiamo pazienza e cerchiamo, per quanto possibile, di non darvi troppo peso. Cerchiamo di capire che la persona che abbiamo difronte non riesce a sfogare altrimenti il suo dolore.

Litigare col partner fa male alla salute

- Restituirsi i regali importanti
E' forse la cosa meno elegante fra tutte quelle che fanno seguito alla fine di una relazione, ma è necessaria. Se per il primo anniversario ci hanno regalato un anello con diamantino o se per l'ultimo compleanno abbiamo ricevuto un bel bracciale in oro bianco è bene restituire tutto. Se i regali rientrano nella categoria della cose semplici, tipo orsacchiotti, pupazzetti, cartoline e biglietti, teniamoli con noi o buttiamoli pure, se lo riteniamo necessario, ma evitiamo di ridarglieli. Erano doni teneri fatti con dolcezza e ridarli indietro è una cosa di cattivo gusto.

- Evitare il chiacchiericcio
Da evitare con la massima cura il chiacchiericcio sulla fine della relazione, sui motivi della rottura, sui suoi difetti e su ogni altro aspetto intimo criticabile della coppia. Certo, ci si confida con gli amici più fidati e magari si versa pure qualche lacrimuccia, ma in presenza di estranei o peggio ancora in presenza di persone che conoscono l'altro, qualsiasi commento è un segno di mancanza di rispetto per la relazione e un modo per rendersi ridicoli e poco dignitosi.

L'ex fidanzato può diventare il nuovo amico?

- Non tentiamo di sapere a tutti i costi cosa fa il nostro partner dopo la rottura
Evitiamo di andare in giro a chiedere che fa il nostro partner dopo la rottura. Tutto quello che avviene dopo la fine della vostra relazione rientra nell'ambito del privato dell'altro e, ricordiamolo, l'altro ormai non ci appartiene più. Quando incontriamo per strada un amico comune, dunque, non facciamo le spie russe tentando di estorcere particolari sulla nuova vita dell'ex; il nostro interlocutore lo capirebbe e noi faremmo una figura barbina.

Leggi gli altri articoli di That's Amore

Credits: Fotolia

Da non perdere