Sport che fanno bene alla mente dei bambini

Francesca è una giornalista, blogger e anche mamma. In questi mesi ci ha accompagnato in un viaggio ideale attraverso i Giochi Olimpici, un evento per tutta la famiglia, una lezione di vita per i nostri piccoli campioni. Oggi ci racconta la sua vita di mamma alle prese con i figli, tra scuola, giochi, sport, amici e famiglia nel post London 2012.

(Fotolia)

Comincia il conto alla rovescia: tra circa quindici giorni inizia la scuola, le vacanze sono terminate, ci sono gli ultimi compiti da fare. Per le mamme è una vera e propria lotta contro il tempo (e dopo settembre ci vorrebbe una nuova vacanza!).

Bisogna riprendere ad allenare anche la mente dei nostri figli: concentrazione, capacità di osservazione e controllo sono strumenti fondamentali per i nostri ragazzi, sono abilità imprescindibili tra i banchi di scuola.

Insegnamo ai nostri figli ad affrontare le sfide

Per questo ho letto con curiosità e interesse i risultati di una recente ricerca svolta da alcuni scienziati americani della Mayo Clinic di Rochester che hanno messo a confronto diverse discipline sportive per valutarne i benefici a 360 gradi sul corpo umano. Gli studiosi hanno valutato l'impegno muscolare, gli stimoli al cuore e ai polmoni ma anche le ricadute sulla corteccia celebrare e sulla stimolazione dei neuroni durante le diverse sessioni di sport.

Ebbene, care mamme, cominciamo a mettere da parte il calcio. Se vogliamo davvero allenare i cervelli dei nostri ragazzi (oltre che il loro apparato muscolare), meglio lasciarsi ispirare da alcuni dei mirabolanti sport olimpici che abbiamo seguito con trepidazione in televisione.
Esempi? Il tennis da tavolo, ovvero il ping pong, stimola i riflessi e la tempestività ma educa anche a calibrare la forza, il badminton, elegante e leggiadro, e poi la scherma che ha conquistato tutti perché unisce forza, grazia e intelligenza. E poi ancora la canoa, e tutte le discipline di concentrazione come il judo, il karate, il taekwondo. Sono questi gli sport su cui puntare.

10 cose da imparare dai bambini

Secondo gli scienziati, questi sport creano una sorta di doping (di doping buono!) sul cervello di chi li pratica: senso di benessere, di pienezza, di equilibrio. Inoltre, stimolerebbero la rete neuronale. Insomma, sono un ottimo allenamento per il cervello oltre che per i muscoli dei nostri figli.

Considerata la fatica di mettere i ragazzi sui libri dopo l'estate, direi che vale la pena testare i benefici effetti di queste affascinanti discipline non solo prima del suono della campanella, ma anche per tutto l'anno scolastico!

Francesca Amè


Su Mamme da Medaglia i video di Procter & Gamble, 'Crescere un campione', ci raccontano gli sforzi, i sacrifici e i traguardi di grandi campioni olimpici di tutto il mondo attraverso la speciale testimonianza delle loro mamme, le più grandi sostenitrici che hanno avuto un ruolo fondamentale nelle loro vite.

Guarda le interviste alle mamme di Victoria Pendleton, Liam Tancock, Magdalena Piekarska, Paula Pequeno, di Alicia Sacramone, dell'atleta messicano Oscar Soto, dell'atleta paralimpico Kortney Clemons, del cestista spagnolo Rudy Fernandez, delle atlete americane Shwan Johnson e Kerri Walsh, Matteo Tagliariol, della campionessa tedesca Britta Steffen e dell'atleta indiana Kavita Raut.


Da non perdere