Viaggiare spendendo poco

risparmiarerisparmiareViaggiare non è solo una pratica piacevole ed eccitante, ma ci serve per riorganizzare la vita quando torniamo a casa. A rimettere a posto le priorità, a capire cosa ci piace e cosa no, a sfruttare i consigli giusti e rifiutare le proposte stupide. Viaggiare ci serve a conoscere noi stessi in situazioni meno protette e confortevoli che il nostro salotto.

Viaggiare serve. Ma costa. Ci sono mille trucchi per cercare di pagare il meno possibile senza finire in una topaia di un luogo inutile. Per esempio si può cominciare dal preferire la bassa stagione al solito agosto. Sarà banale ma i prezzi sono estremamente differenti durante l'anno. E in caso di viaggio all'estero ci raccomandiamo di osservare quale sia la bassa stagione del paese di arrivo (sempre che non coincida con un periodo di tempeste tropicali o altre drammatiche condizioni metereologiche, s'intende).

[Yahoo! Lifestyle - Viaggiare in prima classe]

È poi consigliabile non prenotare gli alberghi già prima della partenza. Arrivare e cercare, consente di osservare le strutture e contrattare sul prezzo, perché sì, sul prezzo di una camera si può, anzi si deve, contrattare. Cercare di cogliere i momenti in cui la nostra moneta è particolarmente forte rispetto alla moneta della nazione di arrivo (ad esempio gli Stati Uniti di circa sette anni fa, quando il dollaro era debolissimo, si rivelarono una meta conveniente contro ogni pronostico).

Nei paesi del terzo mondo saper scegliere una buona guida (non un libro, intendiamo proprio un accompagnatore) può rivelarsi un buon investimento perché vi eviterà di essere fregati. Meglio rivolgersi a qualcuno che sia già stato testato. Una cattiva guida, al contrario, può rivelarsi una vera disdetta. Ci sono siti utili sulla rete. In ogni caso è bene comprarsi un libro di viaggio per turisti low cost, come la Rough Guide o la Routard. Tutti i viaggi itineranti dovranno essere costruiti da soli e mai delegati all'agenzia, che può farvi risparmiare solo su pacchetti per Sharm-el-Sheik e simili mete stanziali.

[Yahoo! Lifestyle - Il vestito di Pippa Middleton in versione low cost]

Usate solo ed esclusivamente voli low cost e non caricate assicurazioni, imbarchi prioritari o altri costi aggiunti; quello che vi interessa è arrivare alla meta. Riducete il bagaglio. Per quanto riguarda i cibo comportatevi come dei buoni padri (o madri) di famiglia, e andate per mercatini e supermercati. A volte un panino fai da te è più gustoso di un costoso pranzo al ristorante. Usare i mezzi pubblici anziché noleggiare l'auto comporta un risparmio inimmaginabile.

Informatevi sempre sui resoconti di viaggio di chi si prende la briga di mettere su web le proprie impressioni. Se la prima meta vi pare costosa, non fermatevi e siate pronti a cambiare idea sul luogo di vacanza. La seconda scelta può risultare anche migliore! Cercate di viaggiare durante la settimana o essere flessibili in ogni caso, i voli possono costare meno, per la maggior parte delle mete turistiche. E poi se avete parenti e amici a casa evitate di mandare sms di continuo, dall'estero è un salasso. Piuttosto fate molte fotografie digitali che non costano niente, e al ritorno imprigionateli a casa vostra per vederle tutti insieme! Senza ordinare sushi però; una pasta al sugo andrà benissimo.

Stefano D'Andrea

Da non perdere