Animali e mondi nascosti in Nuova Guinea

Se fosse un film potrebbe essere un incrocio tra 'Viaggio al centro della Terra' e 'L'isola del dottor Moreau': la scoperta di un mondo segreto sul Monte Bosavi, un vulcano estinto in Nuova Guinea, esattamente in Papua Nuova Guinea. Ma in questo caso non si tratta di una fantasiosa sceneggiatura da film fantascientifico, la scoperta è stata fatta da una troupe della BBC, in missione speciale per girare un documentario sui 'mondi perduti'.
A monitorare l'impresa degli avventurieri del tubo catodico c'era un gruppo di biologi inglesi, mentre a guidarli attraverso le impervie pendici del monte c'era una indispensabile equipe di guide e soccorritori.

Papua Nuova Guinea

Alla scoperta di un segreto ben custodito. La zona è infatti talmente inaccessibile che persino gli abitanti dei pochi villaggi disseminati nei pressi del vulcano, si avventurano raramente da quelle parti. Scalare il vulcano, che ha un'altezza di circa 2.800 metri, è infatti considerata una impresa molto pericolosa, un ostacolo non indiffernte, che era riuscito a tenere lontani i curiosi...almeno fino ad oggi.
Il gruppo di 'Indiana Jones', dopo mesi di preparativi, si è avventurato là, dove nessun uomo aveva ancora osato, scoprendo all'interno del cratere l'inaspettato: un microcosmo incontaminato, popolato da una fauna di animali mai visti tra cui rane zannute e topi giganti,  ancora sconosciuto per il solo fatto di essere uno dei posti più ostici del mondo da esplorare.

Da quanto riferito dalla BBC sembra che, grazie a questa impresa, gli scienziati inglesi abbiano identificato ben quaranta specie nuove di animali tra cui sedici di rane, tra cui una dotata di piccole zanne, una di geko e di pipistrello, venti tra ragni e insetti, un pesce che 'grugnisce' e naturalmente il famigerato super-ratto. Il roditore, lungo circa ottanta centimetri, fortunatamente per gli scopritori, si è poi rivelato essere vegetariano e tranquillamente avvicinabile come del resto tutti gli altri inquilini del vulcano. Gli scienziati ipotizzano che la lontananza dal resto del mondo e dagli uomini abbia reso questi animali meno impauriti dai nuovi visitatori bipedi.

Ma le sorprese sembrano non finire qui e le indagini sugli strani 'abitanti' del Monte Bosavi continuano. Nel frattempo l'impresa è stata filmata integralmente e verrà trasmessa come documentario dalla  BBC.

Yahoo! Lifestyle

Da non perdere